niasha cart icon transparent background outline 0
niasha wishlist icon transparent background png outline
niasha search icon transparent background png outline

Iperpigmentazione

Hyperpigmentation 101


Anche a rischio di sembrare un disco rotto, lo ripetiamo: è importante applicare una crema solare quotidianamente! I raggi UV possono provocare una miriade di problemi, alcuni dei quali possono essere incredibilmente seri (come l’aumento del rischio di sviluppare un cancro alla pelle), o spiacevoli (parlo di voi, scottature) o difficile da eliminare (rughe).

Le macchie scure sulla pelle, anche note come “iperpigmentazione” possono anch’esse essere una conseguenza dell’esposizione ai raggi solari. E mentre ci sono molti prodotti in commercio che promettono di “uniformare il tono del viso” o “schiarire”, alcuni sono più efficaci di altri. Ecco ciò che devi sapere riguardo all’iperpigmentazione e cosa puoi fare al riguardo!

Cause dell’iperpigmentazione

La causa più comune dell’insorgenza di iperpigmetazione è l’esposizione prolungata ai raggi solari, ed in realtà è il risultato di una naturale funzione protettiva svolta dalla pelle. C’è da dire, però, che fattori come l’età, la genetica, gli ormoni e determinate condizioni della pelle giocano un ruolo importante.

1. Danni solari

Comunque la si chiami, “macchie solari” o “macchie dell’età”, l’iperpigmentazione è un problema comunemente causato dall’esposizione ai raggi UV. Queste zone scure sono aree con una concentrazione più alta di pigmento, o melanina. La melanina, contenuta naturalmente nella pelle, assorbe i raggi UV per proteggerla, ma ciò puo risultare in macchie scure, nonostante innocue.

Le lentiggini sono ereditarie, quindi probabilmente non sarai in grado di sbarazzartene completamente, ma puoi ridurne il numero e l’evidenza proteggendo la tua pelle con un filtro solare: il sole tende a scurire le aree già pigmentate o abbronzate, perciò hanno bisogno particolare cura.

2. Invecchiamento 

Quando invecchiamo la produzione di collagene e la rigenerazione delle pelle diventano più lente. Ciò significa non solo che la pelle perde tonicità ed idratazione (quindi più rughe), ma anche una diminuzione del rinnovamento cellulare. La pelle stanca e pigmentata non viene sostituita da pelle nuova cosí di frequente, quindi le cicatrici e i segni scuri saranno più difficili da schiarire.

3. Melasma

Stranamente i melasmi possono essere causati da cambiamenti ormonali (ad esempio durante la gravidanza). La pelle può produrre delle aree più scure piuttosto larghe a causa della sovrapproduzione di melanina. Ciò colpisce più spesso le donne, ma la buona notizia è che spariscono quando i livelli di ormoni tornano alla normalità.

4. Pigmentazione post infiammatoria

Può suonare come una malattia pericolosa, ma è semplicemente il nome scientifico per le macchie scure causate dall’acne. A differenza delle cicatrici da acne, che spesso hanno una superficie più rigida, l’iperpigmentazione post infiammatoria è una macchia marroncina non in rilievo che compare quando l’acne sta guarendo. L’infiammazione dovuta dall’acne può innescare la produzione di pigmento, risultando in una macchia scura laddove la pelle è stata danneggiata. La buona notizia è che questo tipo di macchia svanisce col tempo, ma senza cure specifiche potrebbero volerci anni.

La miglior cura è la prevenzione!

Applica una crema solare, tutto il giorno e tutti i giorni! Nonostante possa essere tentata di non indossare alcuna protezione solare in una giornata di pioggia o fredda, ricorda che i raggi UV non vengono filtrati dalle nuvole. La crema solare dovrebbe essere messa anche in inverno, dato che i raggi si riflettono sulla neve. Ecco alcuni trucchetti per assicurarsi di avere sufficiente protezione:
  • Scegli una crema solare con PA. Mentre le creme occidentali spesso hanno solo un SPF (che protegge dai raggi UVB), i solari coreani presentano un PA, che protegge anche dai raggi UVA. Il PA va da PA+ a PA++++
  • Riapplica spesso. Le creme solari andrebbero applicate 30 minuti prima di esporsi al solo e riapplicate ogni 2 ore , più spesso se sudiamo o andiamo a nuotare. E fai attenzione a mettere la giusta quantità. Alcuni studi dimostrano che solo la metà delle persone che usano un solare ne mettono a sufficienza. La regola generale è usarne metà cucchiaino per il viso
  • Alcune BB cream, fondotinta cushion o polveri hanno un SPF, e sono ottimi prodotti per aggiungere un po’ di protezione quando vai di fretta. Ricordati, però, che non possono sostituire un vero filtro solare, specialmente perché è improbabile che stia utilizzando cosi tanto prodotto da proteggere la pelle
  • Scegli un filtro solare che vada bene per il tuo tipo di pelle. Chi ha una pelle sensibile probabilmente si troverà meglio con un solare minerale o fisico. Questo tipo di solari crea una barriera sulla pelle (spesso grazie all’ossido di zinco o al diossido di titanio) che blocca i raggi UV 

Come schiarire pigmentazioni esistenti

Ok, ora stai proteggendo la pelle da un’eventuale futura pigmentazione. Ma come ci si libera dalle macchie che già abbiamo? Ci sono un numero sorprendente di diversi ingredienti che puoi usare, ma tieni presente che per funzionare impiegano molto tempo, alcune volte anche mesi interi.

1. Usa un prodotto a base di vitamina C. La vitamina C è il prodotto per eccellenza per schiarire l’iperpigmentazione. Inibisce l’enzima tirosinase, che stimola la produzione di melanina. Aiuta anche a contrastare gli effetti dei radicali liberi ed aumenta la produzione di collagene, rendendolo un must per i prodotti antietà! Nei prodotti di skincare lo troviamo spesso sottoforma di “acido ascorbico”. Fai attenzione a tenere i prodotti a base di vitamina C in luoghi bui e freschi (come il frigorifero), dato che la luce ed il calore li fanno degradare velocemente. Se il tuo prodotto inizia a diventare arancione o marroncino vuol dire che si è ossidato ed è da buttare.

2. Usa un prodotto acido. L’esfoliazione in generale aiuta a spazzare via il primo strato di pelle, per rivelare la pelle più liscia sottostante. Gli acidi AHA come l’acido glicolico, mandelico e lattico sono particolarmente efficaci sulle pelli danneggiate dal sole, dato che esfoliano senza seccare.

Giusto una nota - evita di di usare acidi, vitamina C, retinolo o altri tipi di scrub nello stesso momento. Combinare questi prodotti può esfoliare eccessivamente e causare irritazioni

3. Prova ad usare un prodotto che contenga ingredienti schiarenti. Gli estratti di agrumi, come il limone, il pompelmo o l’arancio (o estratti della loro scorza) sono ricchi di vitamina C, che, come sappiamo, aiuta a schiarire le macchie scure. Inoltre tendono ad essere antiossidanti, garantendo protezione contro danni futuri.

La niacinamide ha proprietà schiarenti ed antietà. Questa vitamina B3 per uso topico previene l’iperpigmentazione, aumenta la produzione di collagene e aiuta a produrre ceramidi, che mantengono la pelle idratata e tonica.

La magia della bava di lumaca sta nella sua abilità di guarire e rigenerare la pelle danneggiata - rendendolo un fantastico ingrediente da provare in caso di danni solari.

Come molti dei problemi cutanei, una combinazione di prevenzione e riparazione può garantire i risultati migliori. Non è difficile aggiungere un siero alla vitamina C o un’essenza schiarente alla tua routine di skincare: ti sorprenderà scoprire quanto può essere semplice ottenere una pelle uniforme.

Lascia un commento

Si prega di notare: i commenti devono essere approvati prima di essere pubblicati.

BACK
TO TOP